Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Mantova
HOME


Logo Registro Imprese
Ricerca nel Registro


Cassetto digitale dell'imprenditore

Elenco siti tematici

vai al sito promoimpresa borsa merci

vai al sito


Corso di alta formazione per addetti degli uffici estero
Dal 18 settembre al 21 novembre. Iscrizioni entro il 10 settembre

E-commerce, i nuovi modelli di Unioncamere Lombardia
dal 9 luglio in distribuzione presso PromoImpresa-Borsa merci

Alta Specializzazione in Commercio Estero
360 ore per formare un gruppo di giovani laureati e diplomati

SPID: prorogato il rilascio gratuito al 30-6-2019
Prenota il tuo appuntamento con lo sportello virtuale

Attenzione: bollettini ingannevoli inviati alle neoimprese
Guarda alcuni esempi e se sei in dubbio chiama l'URP

La tua opinione vale e ci aiuta a migliorare i nostri servizi
Indagine customer satisfaction: Valuta questo sito con gli emoticons

 
AGENDA EVENTI
<< Luglio 2018 >>
L M M G V S D
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Certificati camerali con dicitura antimafia

Dal 13 febbraio 2013, a seguito della definitiva entrata in vigore del D. Lgs. n. 159/2011 (Codice antimafia) con le modifiche introdotte dal D. Lgs. n. 218/2012, le Camere di Commercio non sono più autorizzate a rilasciare certificati camerali con dicitura antimafia.

Gli Enti Pubblici ed i gestori di pubblico servizio Stazioni Appaltanti devono acquisire d'ufficio, tramite le Prefetture, la documentazione antimafia necessaria per le procedure di competenza.

Non è previsto il rilascio di alcun tipo di documentazione antimafia a soggetti privati (persone fisiche o giuridiche), i quali, nei casi di seguito indicati, possono sostituire la comunicazione antimafia con una dichiarazione in cui l'interessato attesti che nei propri confronti non sussistono le cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all'articolo 67 del Decreto Legislativo n. 159 del 06/09/2011:

a) lavori, servizi o forniture dichiarati urgenti;

b) provvedimenti di rinnovo conseguenti a provvedimenti già disposti;

c) attività private, sottoposte a regime autorizzatorio, che possono essere intraprese su segnalazione certificata di inizio attività (SCIA);

d) attività private sottoposte alla disciplina del silenzio-assenso.