Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Mantova
Registrati  -  Hai dimenticato la password?
HOME


Logo Registro Imprese
Ricerca nel Registro



Elenco siti tematici

vai al sito promoimpresa borsa merci

vai al sito

vai al sito imprendo anch'io


Master in Commercio estero 2017
Possibilità di incontro tra i ragazzi e le imprese

Attività di autoriparazione
Scadenze per la riqualificazione dei responsabili tecnici

Registro Imprese: adempimenti di fine anno
Cancellazioni 2017/2018 e iscrizione di atti societari in data certa

Avvio attività di autoriparatore
dal 20 ottobre una sola comunicazione per due adempimenti

Disattivazione caselle e-mail del registro imprese di Mantova
Attivazione assistenza specialistica con i servizi on line

Tecniche di commercio internazionale
Sei webinar gratuiti con esperti a partire dal 21 settembre

La tua opinione vale e ci aiuta a migliorare i nostri servizi
Indagine customer satisfaction: Valuta questo sito con gli emoticons

 
AGENDA EVENTI
<< Novembre 2017 >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Excelsior 2° trimestre 2014

 Considerando i movimenti occupazionali nel loro insieme (riferiti al lavoro alle dipendenze e al lavoro atipico), le entrate ammontano nel secondo trimestre a 1.570 unità, con una variazione tendenziale del +18%. Di queste entrate  il 56% sono dipendenti non stagionali, il 22% stagionali, il 15% lavoratori interinali e il 7% si suddivide tra contratti di somministrazione,  collaborazioni occasionali e incarichi professionali con partita IVA. I saldi occupazionali (differenza tra entrate e uscite che per questo trimestre ammontano a 1.470) sono positivi per tutte le diverse modalità contrattuali, ad eccezione delle collaborazioni a progetto.

Le assunzioni a tempo indeterminato, invece, risultano pari a 330 unità, circa il 27% dei contratti alle dipendenze, una quota inferiore al dato regionale (31,7%) ma superiore a quello nazionale (18,7%).

Le assunzioni a tempo determinato ammontano a 770, di queste il 44% viene attivato per far fronte a lavori stagionali, il 19% per coprire picchi di attività, il 19% in sostituzione temporanea di personale e il 18% come periodo di prova.

Il 69% del totale delle assunzioni di lavoratori dipendenti programmate nella provincia di Mantova si concentra nei servizi, in linea con quanto avvenuto nel trimestre precedente. Tra i servizi ad esprimere una maggior richiesta di lavoro è il settore turismo-ristorazione (per il 24% delle assunzioni), seguono le attività degli “altri servizi” con il 16% e quelle del commercio con il 15%. L’industria attiva nuovi contratti di lavoro nel settore della metalmeccanica ed elettronica (11%), nel tessile-abbigliamento (8%) e nelle altre industrie e costruzioni (11%) (Fig. 1).

I profili professionali più richiesti sono quelli inerenti alle attività commerciali e dei servizi (42%), a cui seguono gli operai specializzati e conduttori di impianti (29%), i profili “high skill” (dirigenti, specialisti e tecnici) con l’11% dei posti, le professioni impiegatizie e i profili generici con il 9% per entrambi.

Nel dettaglio delle professioni, le più richieste nella provincia di Mantova, sono i profili tipici del turismo e della ristorazione (cuochi e camerieri), commessi e personale qualificato nelle vendite, gli operai metalmeccanici ed elettromeccanici, i conduttori di mezzi di traporto e di macchinari mobili e gli operatori dell’assistenza sociale e dei servizi sanitari (Fig. 2).

Rispetto allo scorso trimestre rimangono invariate le difficoltà attese dalle imprese nel reperire i profili desiderati, confermando una percentuale del 12%, un valore che si colloca in posizione intermedia tra il risultato lombardo (13,5%) e quello nazionale (10,7%). I problemi nel trovare personale sono legati più alla scarsità di candidati disponibili a ricoprire la posizione richiesta (8%) che non all’inadeguatezza in termini di competenze e di esperienza possedute (4%). Le difficoltà nel reperimento riguardano in particolare la scarsa presenza delle figure ricercate (8%), piuttosto che l’inadeguatezza della preparazione dei candidati (4%). I settori che denunciano una maggior fatica nella ricerca di occupazione sono i servizi avanzati a supporto delle imprese (28%), le industrie metalmeccaniche ed elettroniche (25%) e le industrie tessili e dell’abbigliamento (18%). All’opposto, i settori in cui le problematiche in fase di ricerca sono quasi nulle sono i servizi alle persone e gli altri servizi (5%) e i servizi turistici (7%).

Le aziende mantovane richiedono un’esperienza di lavoro per ben oltre la metà dei nuovi inserimenti (63%), quota superiore sia a quella nazionale (60%) che a quella regionale (56%). Al 19% dei candidati mantovani viene richiesta una esperienza nella professione e al 44% un’esperienza almeno nel settore dell’impresa. L’esperienza è un requisito ritenuto necessario  soprattutto per le assunzioni nel terziario (67%), mentre nell’industria è richiesta per poco più della metà delle entrate (53%). I settori più esigenti sul fronte dell’esperienza sono il turismo e ristorazione (78% delle assunzioni) e le costruzioni (per il 73%). Le altre industrie e i servizi avanzati, al contrario, sono più disponibili ad assumere personale inesperto.

Per il 43% dei contratti di lavoro dipendente le aziende richiedono almeno un diploma, per il 7% una laurea e per il 15% una qualifica professionale.  La quota di personale con una formazione medio-alta, che complessivamente in questo trimestre ammonta al 50%, rimane inferiore a quella regionale (con il 59% delle assunzioni), ma supera quella italiana (al 48,5%).

Per il primo trimestre dell’anno, le opportunità offerte specificamente alle donne interessano il 19% delle assunzioni che si concentrano, in particolare, nei servizi rivolti alle persone, nell’industria tessile e dell’abbigliamento, nel commercio e nei servizi legati al turismo e alla ristorazione.

La preferenza di giovani al di sotto dei 30 anni riguarda il 28% delle assunzioni, impiegabili soprattutto nelle altre industrie e nelle industrie metalmeccaniche ed elettroniche, nel commercio e negli altri servizi. Considerando le assunzioni per cui è indifferente l’età, che riguardano il 57% del totale, le opportunità per i giovani crescono all’85%.