Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Mantova
Registrati  -  Hai dimenticato la password?
HOME > Registro imprese > Bolli, diritti e costi > Casi particolari di importi relativi all'imposta di bollo


Logo Registro Imprese
Ricerca nel Registro



Elenco siti tematici

vai al sito promoimpresa borsa merci

vai al sito

vai al sito imprendo anch'io


Casi particolari di importi relativi all’imposta di bollo

Alcune tipologie di domande sono soggette all’assolvimento dell’imposta di bollo in misura diversa da quelle sopra descritte e precisamente:

1) deposito di atto di trasferimento d’azienda

I contratti che hanno per oggetto il trasferimento della proprietà o il godimento dell’azienda devono essere redatti per iscritto in forma pubblica o per scrittura privata autenticata, depositati per l’iscrizione nel registro delle imprese a cura del notaio rogante o autenticante ai sensi dell’art. 2556, secondo comma, del codice civile.

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 11/E del 3 aprile 2006 dispone che, nell’eventualità che un adempimento riguardi denunce, domande o atti relativi ad operazioni tra soggetti per i quali l’imposta di bollo è dovuta in misura diversa, l’imposta è assolta secondo l’importo più elevato. Per le pratiche protocollate automaticamente relative ai trasferimenti d’azienda il sistema informatico addebita comunque l’imposta di bollo relativa alla natura giuridica del soggetto “cedente” anche quando il “cessionario” ha una forma giuridica diversa e quindi soggetto, secondo la citata circolare, ad imposta maggiore il cui importo verrà corretto dal personale camerale in sede di istruttoria della pratica come di seguito indicato:

- € 65,00 se il soggetto cessionario è una società di capitali, cooperativa (escluse le cooperative sociali) o altro soggetto collettivo iscritto nella sezione ordinaria del registro delle imprese;

- € 59,00 se il soggetto cessionario è una società di persone ed il cedente è un’impresa individuale.

2) iscrizione all’Albo Nazionale delle società cooperative

Tutte le società cooperative hanno l’obbligo di iscrizione all’Albo Nazionale delle società cooperative istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico; l’iscrizione all’Albo per la cooperativa di nuova costituzione ha carattere costitutivo e la richiesta di iscrizione deve essere effettuata al momento dell'iscrizione della cooperativa nel registro imprese, utilizzando l'apposito riquadro dalla modulistica informatica (riquadro 31 del modello S1). Sarà poi il sistema informatico del registro a trasmettere la domanda di iscrizione all’Albo Nazionale delle società cooperative presso il competente Ministero. Pertanto, la domanda di iscrizione all’Albo è destinata ad un soggetto diverso dal registro imprese e quindi sconta l’imposta di bollo generale di € 16,00 (oltre ai diritti di segreteria pari a € 40,00). Tale imposta non è dovuta nel caso di iscrizione all’Albo delle cooperative sociali purché iscritte nella sezione a mutualità prevalente - categoria cooperative sociali.

3) iscrizione nell’apposita sezione del REA per mediatori e agenti o rappresentanti di commercio

Dal 12 maggio 2012 sono in vigore i Decreti del Ministero dello Sviluppo Economico del 26 ottobre 2011 relativi ai soggetti esercitanti le attività di mediazione, agenzia o rappresentanza di commercio. Tali decreti prevedono che le istanze di iscrizione nell’apposita sezione REA di persona fisica iscritta nel soppresso ruolo debbano essere presentate come:

- iscrizione apposita sezione transitorio (persona fisica che non svolge l’attività presso alcuna impresa alla data del 12/05/2012 - data di acquisizione di efficacia del D.M. 26/10/2011 – e che vuole mantenere il proprio requisito professionale);

- iscrizione apposita sezione a regime (persona fisica che richiede la cancellazione dalla qualifica di preposto perché ha cessato di svolgere l’attività presso un’impresa chiedendo l’iscrizione all’apposita sezione – a regime per il mantenimento del proprio requisito professionale).

Tali istanze sono soggette all’imposta di bollo generale di € 16,00 (vedasi in proposito il parere dell’Agenzia delle Entrate protocollo n. 81569 del 19 luglio 2013).

4) richiesta di rilascio della tessera personale di riconoscimento per le imprese che iniziano l'attività di agente d'affari in mediazione

La richiesta di rilascio della tessera personale di riconoscimento per chi esercita l'attività di agente d'affari in mediazione viene effettuata contestualmente alla presentazione della segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) al Registro delle Imprese.

Gli addetti camerali, in sede di istruttoria di tale comunicazione, addebiteranno l'imposta di bollo di € 16,00 (assolta in modo virtuale) per ogni tessera richiesta; tale integrazione di importo avverrà indipendentemente dall'indicazione del "MODO BOLLO" riportato sulla "DISTINTA" della pratica di inizio attività di agente d'affari in mediazione, la cui denuncia continuerà ad essere soggetta o meno all'imposta di bollo secondo le istruzioni generali più sopra descritte.

Torna alla pagina precedente


Ti è stata utile questa pagina?

Molto!AbbastanzaPer nulla