Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Mantova
Registrati  -  Hai dimenticato la password?
HOME > Registro imprese > Provvedimenti di rifiuto del Conservatore


Logo Registro Imprese
Ricerca nel Registro



Elenco siti tematici

vai al sito promoimpresa borsa merci

vai al sito

vai al sito imprendo anch'io


Comunicazione per PEC dei provvedimenti di rifiuto del Conservatore

Il Registro delle imprese di Mantova rende noto che da febbraio 2014 adotta nuove modalità di comunicazione dei provvedimenti di rifiuto del Conservatore tramite trasmissione, ove ciò sia tecnicamente possibile, all’indirizzo PEC indicato nel modello di Comunicazione unica come Domicilio Elettronico dell’impresa (articolo 8 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 maggio 2009) tramite l’applicativo integrato in Telemaco chiamato Gestione Notifiche.

Il procedimento di rifiuto può essere di massima riassunto in queste quattro fasi:

1. istruttoria della pratica pervenuta tramite la Comunicazione unica;

2. segnalazione di eventuali irregolarità e incompletezze all’interno del diario messaggi con descrizione dei motivi di sospensione;

3. invio telematico del messaggio (descrizione dei motivi di sospensione della pratica) dall’indirizzo mail sportello.telemaco.mn@cert.infocamere.it, a mezzo della procedura “Gestione correzioni” del sistema Telemaco, all’indirizzo di posta elettronica o posta elettronica certificata indicata tra gli estremi del dichiarante nel modello di Comunicazione unica (quadro 4). Oppure in casi particolari, l’Ufficio potrà valutare di inviare all’impresa interessata, oltre alla sospensione già inoltrata con le modalità sopra esposte del diario messaggi, anche un formale invito a regolarizzare la pratica, tramite trasmissione di un’apposita lettera firmata dal responsabile del procedimento all’indirizzo PEC dell’impresa e a quello del professionista/intermediario indicati rispettivamente nei riquadri 4 e 5 del modelli di Comunicazione unica;

4. notifica del provvedimento di rifiuto del Conservatore tramite PEC

Le comunicazioni del provvedimento di rifiuto e degli eventuali allegati saranno regolarmente protocollate, firmate digitalmente dal Conservatore o da un suo delegato e inviate all’indirizzo di posta elettronica certificata specificato all’interno del riquadro 5 del modello di Comunicazione unica come Domicilio Elettronico dell’impresa (ovvero indirizzo da utilizzare per tutte le comunicazioni relative alla pratica). Il provvedimento e relativo allegato saranno anche inviati, per conoscenza, alla casella di posta elettronica o posta elettronica certificata del dichiarante della Comunicazione unica (indirizzo indicato nel riquadro 4).

Ricordiamo che la procedura automatizzata “Gestione Notifiche” non può essere utilizzata per le pratiche di bilancio in quanto estranee alla disciplina della “Comunicazione unica per la nascita dell’impresa”.

Importanza della PEC

  • la trasmissione via PEC ha il valore di raccomandata con ricevuta di ritorno.
    L’avviso di consegna all’indirizzo PEC del destinatario vale come notifica del provvedimento.
    Quindi per le comunicazioni dei provvedimenti del Conservatore l’avviso di consegna effettuato all’indirizzo PEC indicato come domicilio elettronico dell’impresa nel riquadro 5 del modello di Comunicazione unica rappresenta “a tutti gli effetti di legge” l’avvenuta notifica del provvedimento all’interessato;
  • a partire dall’avviso di consegna all’indirizzo pec del destinatario decorrono i termini per l’eventuale ricorso contro l’atto notificato.
    Ad esempio, per i provvedimenti di diniego di domande o depositi nel registro delle imprese è ammesso, ai sensi dell’art. 2189 codice civile, il ricorso al Giudice del Registro delle imprese presso il Tribunale di Mantova nel termine di otto giorni dal ricevimento del provvedimento stesso e quindi dal momento dell’avvenuta consegna dell’atto di rigetto all’indirizzo PEC dell’impresa o al domicilio elettronico riportato nel riquadro 5 della Comunicazione unica.

    È pertanto fondamentale presiedere attentamente la casella PEC dell’impresa o quella
    indicata come domicilio elettronico dell’impresa all’interno del modello di Comunicazione
    unica!

Il passaggio alla nuova modalità di trasmissione via PEC delle comunicazioni relative alla pratica di Comunicazione unica sarà attivata gradualmente. Le principali comunicazioni inerenti l’istanza inviate via PEC al Domicilio Elettronico dell'impresa possono essere la presa d’atto dell’autorizzazione dell’impresa all’archiviazione della pratica presentata, il formale invito a regolarizzare, i provvedimenti di rifiuto del Conservatore.

Per approfondire…